La Strega di Bologna

Satanismo Spirituale.
Per chi volesse approfondire la conoscenza di Satana e dei Suoi Demoni.
Per ulteriori informazioni: http://www.itajos.com

1. Riconosciamo Satana e i sui Demoni come esseri reali, e con essi comunichiamo e lavoriamo per il miglioramento di noi stessi. Satana e' il Creatore dell'Umanita'.
2. Qui si parla esclusivamente di Satanismo e non c'e' spazio per altri credi New Age o simili, i messaggi non pertinenti saranno cancellati.
3. Proclami e offese contro il nostro credo saranno cancellati e ripetute violazioni causeranno l'esclusione dell'utente.
4. Educazione e rispetto prima di tutto.
5. Se credete che Satana e i Demoni sia creature malvage e nefaste, questo gruppo non fa per voi.
6. NON sono ammessi utenti minorenni.
7. Qui NON si tratta di sacrifici ed illegalita' che NON corrispondono al nostro pensiero. Siamo rispettosi della Legge. Qualunque post contenente incitamenti o provocazioni in questo senso sara' cancellato e l'utente bannato definitivamente.
8. Qualsiasi messaggio che cita siti o gruppi che remano contro JoS saranno cancellati e l'utente bannato.

Moderators: Hps.mlimlal666, Gerecht Ror

User avatar
GuerrieroSoleNero
Posts: 13
Location: Sicily - Messina
Contact:

La Strega di Bologna

Postby GuerrieroSoleNero » Fri Jan 12, 2018 10:53 am

Nel 1233 a Bologna fu istituito presso il convento di san Domenico il tribunale dell'inquisizione. Fu uno dei più violenti dell'epoca, specie nella caccia alle streghe. Le bolognesi condannate per stregoneria erano per lo più astrologhe, erboriste, prostitute.
Secondo le confessioni ottenute dall'inquisizione le streghe si radunavano per il sabba nei boschi vicino a Paderno volandovi su scope o bastoni, però bisogna considerare che allora nel bolognese era molto diffusa la coltivazione della canapa e presso i contadini si era soliti mangiare quello che si produceva e pertanto erano molto usate ricette a base di canapa che procuravano allucinazioni da cui tali confessioni.
Il tribunale dell'inquisizione non lasciava scampo alle sue vittime, gli avvocati non erano disposti ad occuparsi della difesa degli inquisiti per non rendersi invisi, se gli indagati resistevano alla tortura senza confessare era una prova di colpevolezza poiché era il diavolo che li rendeva insensibili al dolore. Appena eseguita la sentenza si provvedeva al sequestro dei beni del condannato che venivano suddivisi in tre parti, una per il comune, una per l'inquisitore ed una per l'accusatore. Ciò portava ad aumentare il numero di sentenze in periodi di crisi economiche.
La cosiddetta «Strega Enormissima», al secolo Gentile Budrioli, era moglie di un notaio bolognese ed abitava nel torresotto di Porta Nova. Gentile era una donna intelligente e curiosa, voleva conoscere i segreti del mondo e l'unico modo che si offrisse per esaudire il suo desiderio di conoscenza fu di frequentare lo studio dell'amico fra Silvestro dell'attiguo convento francescano. Così fra alambicchi e attrezzi da erboristeria, probabilmente frammisti a ricerche alchemiche, Gentile apprese i segreti della natura, delle erbe curative e delle stelle.
Ben presto, con le sue conoscenze di erboristeria, si mise a curare i mali fisici e psichici delle persone e questa attività attrasse l'attenzione di Ginevra Sforza, moglie del signore di Bologna Giovanni II Bentivoglio, che, appassionata di esoterismo, la volle come dama di compagnia.
Le due donne divennero amiche ma ben presto la sorte volle sciogliere questa amicizia: nel 1488 la congiura dei Malvezzi che volevano assumere il controllo della città e voci che insinuavano che la politica dei Signori di Bologna era consigliata da due donne, Ginevra e Gentile, fece di quest'ultima il capro espiatorio dei mali della famiglia Bentivoglio. Ginevra Sforza era troppo importante per poter essere messa sotto accusa.
L'Inquisizione, che già teneva d'occhio Gentile per le sue pratiche di guaritrice, approfittò della morte di un nipote di Giovanni affidato alle sue cure, per accusarla di stregoneria e malefici contro il ragazzo. Torturata per giorni alla fine confessò 20 anni di attività occulte e nel torresotto dove abitava furono trovate prove di «72 congiungimenti carnali con spiriti demoniaci» oltre ad «ossa rubate al cimitero, simboli sacri profanati e oggetti per l'evocazione dei demoni».
Il 14 luglio 1798 fu messa al rogo in piazza san Domenico; durante l'esecuzione il boia lanciò polvere da sparo nelle fiamme causando esplosioni e violente fiammate che misero in fuga i cittadini accorsi a godersi lo spettacolo ritenendo che fosse il diavolo venuto a prendere l'anima della sua protetta. Le sue ceneri furono sparse al vento.
In realtà sembra che Gentile fosse in combutta con i Malvezzi per rovesciare la signoria dei Bentivoglio e accusarla di stregoneria fu una maniera efficace per eliminare un'avversaria politica approfittando della credenza popolare.
"Non c'è altro Dio all'infuori di Me." Al Jilwah - Satana

WiseDragon
Posts: 111

Re: La Strega di Bologna

Postby WiseDragon » Fri Jan 12, 2018 5:39 pm

GuerrieroSoleNero wrote:Nel 1233 a Bologna fu istituito presso il convento di san Domenico il tribunale dell'inquisizione. Fu uno dei più violenti dell'epoca, specie nella caccia alle streghe. Le bolognesi condannate per stregoneria erano per lo più astrologhe, erboriste, prostitute.
Secondo le confessioni ottenute dall'inquisizione le streghe si radunavano per il sabba nei boschi vicino a Paderno volandovi su scope o bastoni, però bisogna considerare che allora nel bolognese era molto diffusa la coltivazione della canapa e presso i contadini si era soliti mangiare quello che si produceva e pertanto erano molto usate ricette a base di canapa che procuravano allucinazioni da cui tali confessioni.
Il tribunale dell'inquisizione non lasciava scampo alle sue vittime, gli avvocati non erano disposti ad occuparsi della difesa degli inquisiti per non rendersi invisi, se gli indagati resistevano alla tortura senza confessare era una prova di colpevolezza poiché era il diavolo che li rendeva insensibili al dolore. Appena eseguita la sentenza si provvedeva al sequestro dei beni del condannato che venivano suddivisi in tre parti, una per il comune, una per l'inquisitore ed una per l'accusatore. Ciò portava ad aumentare il numero di sentenze in periodi di crisi economiche.
La cosiddetta «Strega Enormissima», al secolo Gentile Budrioli, era moglie di un notaio bolognese ed abitava nel torresotto di Porta Nova. Gentile era una donna intelligente e curiosa, voleva conoscere i segreti del mondo e l'unico modo che si offrisse per esaudire il suo desiderio di conoscenza fu di frequentare lo studio dell'amico fra Silvestro dell'attiguo convento francescano. Così fra alambicchi e attrezzi da erboristeria, probabilmente frammisti a ricerche alchemiche, Gentile apprese i segreti della natura, delle erbe curative e delle stelle.
Ben presto, con le sue conoscenze di erboristeria, si mise a curare i mali fisici e psichici delle persone e questa attività attrasse l'attenzione di Ginevra Sforza, moglie del signore di Bologna Giovanni II Bentivoglio, che, appassionata di esoterismo, la volle come dama di compagnia.
Le due donne divennero amiche ma ben presto la sorte volle sciogliere questa amicizia: nel 1488 la congiura dei Malvezzi che volevano assumere il controllo della città e voci che insinuavano che la politica dei Signori di Bologna era consigliata da due donne, Ginevra e Gentile, fece di quest'ultima il capro espiatorio dei mali della famiglia Bentivoglio. Ginevra Sforza era troppo importante per poter essere messa sotto accusa.
L'Inquisizione, che già teneva d'occhio Gentile per le sue pratiche di guaritrice, approfittò della morte di un nipote di Giovanni affidato alle sue cure, per accusarla di stregoneria e malefici contro il ragazzo. Torturata per giorni alla fine confessò 20 anni di attività occulte e nel torresotto dove abitava furono trovate prove di «72 congiungimenti carnali con spiriti demoniaci» oltre ad «ossa rubate al cimitero, simboli sacri profanati e oggetti per l'evocazione dei demoni».
Il 14 luglio 1798 fu messa al rogo in piazza san Domenico; durante l'esecuzione il boia lanciò polvere da sparo nelle fiamme causando esplosioni e violente fiammate che misero in fuga i cittadini accorsi a godersi lo spettacolo ritenendo che fosse il diavolo venuto a prendere l'anima della sua protetta. Le sue ceneri furono sparse al vento.
In realtà sembra che Gentile fosse in combutta con i Malvezzi per rovesciare la signoria dei Bentivoglio e accusarla di stregoneria fu una maniera efficace per eliminare un'avversaria politica approfittando della credenza popolare.

Fonte: http://www.sselmi.net/strega.html


Who is online

Users browsing this forum: WiseDragon and 3 guests