Welcome to our New Forums!

Our forums have been upgraded and expanded!

[Trad-WDoI] Distruzione islamica dell’Oriente: Tutto posseduto e governato dagli ebrei - Parte 5

Tradotto da:

Islamic Destruction of the East: All Owned and Ruled by Jews

Distruzione islamica dell’Oriente: Tutto posseduto e governato dagli ebrei


Tradotto da:

Turkey and Saudi Arabia under Jewish Control


Turchia e Arabia Saudita sotto il controllo ebraico

La Turchia è stata sotto il controllo ebraico dall’interno da quando i “Giovani Turchi” rovesciarono il Sultano e portato il loro sistema. Del quale uno dei primi atti maggiori fu il massacro di un milione di armeni. Semplicemente per rubare la loro ricchezza e la loro terra e metterla nelle mani degli ebrei. Sono stati gli ebrei in controllo della Turchia assieme ai loro fratelli in Iraq ed in Inghilterra ad aver messo al potere i loro fratelli cripto ebrei così come i reali sauditi.

Ecco il perché l’Arabia Saudita è stata il più grande alleato di Giudeomerica-Israele in MO. Tutti i vostri fanatici islamici radicali, e anche i jihadisti escono fuori dall’Arabia Saudita. Armati, addestrati e pagati col consenso e i soldi della Giudeomerica. E utilizzati dall’Ordine mondiale ebraico come loro truppe d’assalto in MO. Per combattere le loro guerre profetiche come quella in Libia e la guerra fallita in Siria. Israele, Turchia, Egitto e Giudeomerica, Inghilterra-Rothschild. Stavano apertamente, finanziando, addestrando e rifornendo i cosiddetti gruppi al Qaeda contro il governo di Assad in Siria. Perché le invasioni e le occupazioni occidentali in MO stanno combattendo i terroristi di al Qaeda per le nostre sciocche libertà. Questo è lo ehmmmm scontro di civiltà contro gli…….islamofascisti. LOL
[Nota del traduttore: “MO” è l’abbreviativo di “Medio Oriente”, che in originale è “Middle East”, abbreviato come “ME”.
“Sciocche libertà” è tradotto da “Freedumb”, una storpiatura derogatoria di “freedom”]

Non è per errore che questa stupida merda Zimmermann è stata pompata in tutti i media mentre la storia sopra esplodeva mondialmente. Poiché ciò sconfigge totalmente l’intera narrativa morale dell’Ordine mondiale ebraico, lavorata per le guerre, le occupazioni e i cambi di regime. I governi dell’Occidente si stanno spingendo in MO. E li smascherano per quel che sono veramente. Delinquenti kosherpatici, bugiardi e assassini di massa.

Vedere anche Casa dei Saud, “Giovani Turchi” Donmeh Cripto-Ebrei
[Link inglese: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/turkey-and-saudi-arabia-under-jewish-control/]

__________________________________________________________

Controllo ebraico dell’Arabia Saudita

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/wp-content/uploads/weizmann_and_feisal_1918.jpg]
Haim Weizman (sinistra) e Principe Feisal, 1918
Secondo quanto riferito, i monarchi sauditi e la loro religione Wahhabita hanno origini ebraiche.

Wayne Madsen ha scritto riguardo la connessione ebraica con l’Arabia Saudita.

(vedere The ‘DONMEH’ (CRYPTO JEWS): House of Saud Connections)

Secondo Madsen:

L’Impero Ottomano turco, che includeva parti chiave dell’Arabia Saudia, aveva un sacco di cripto-ebrei (ebrei che fingevano di essere musulmani)

Questi cripto-ebrei (chiamati anche Donmeh) avevano connessioni alla famiglia reale saudita ed alla religione saudita.

I sauditi seguono la forma Wahhabita dell’islam.

Secondo quanto riferito, il fondatore della setta wahhabita dell’islam, Muhammad ibn Abdul Wahhab, fu un cripto-ebreo.

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/wp-content/uploads/2.jpg]
Ali, Bambino a Najran – Arabia Saudita, di Eric Lafforgue

Un rapporto dell’intelligence irachena, datato nel 2002, e rilasciato nel 2008 dalla Defense Intelligence Agency USA, punta alle radici ebraiche di Wahhab.

Il rapporto usa le memorie di un certo Mr. Hempher, una spia inglese che affermava di essere un Azeri.

A metà del 18° secolo, Hempher entrò in contatto con Wahhab in modo da stabilire la setta Wahhabi.

Secondo quanto riferito, lo scopo della setta Wahhabita era per portare avanti una rivolta contro gli Ottomani e spianare la strada ad uno stato ebraico in Palestina.

I ricordi di Hempher sono raccontati dallo scrittore ottomano Ayyub Sabri Pasha nella sua opera del 1888, ‘L’inizio e la diffusione del Wahhabismo.’

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/wp-content/uploads/Saudis-by-Eric-Lafforgue.jpg]
Sauditi di Eric Lafforgue

Nel suo libro, ‘Gli ebrei Donmeh’, D. Mustafa Turan scrive che il nonno di Wahhab, Tjen Sulayman, era in realtà Tjen Shulman, un membro della comunità ebraica di Basra, Iraq.

Nel suo libro, ‘Gli ebrei Donmeh e l’origine dei wahhabiti sauditi’, Rifat Salim Kabar rivela che Shulman si stabilì eventualmente in quella che adesso è l’Arabia Saudita, dove suo nipote, Muhammad Wahhab, fondò la setta Wahhabita dell’islam.

Il rapporto dell’intelligence irachena afferma che Shulman è stato bandito da Damasco, dal Cairo, e dalla Mecca per la sua ‘ciarlataneria.’

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofco...uploads/Ahmed-Saudi-kid-by-Eric-Lafforgue.jpg]
Ahmed, bambino saudita, di Eric Lafforgue

Il libro di Abdul Wahhab Ibrahim al-Shammari, ‘Il movimento wahhabita: La verità e le radici’, afferma che Re Abdul Aziz Ibn Saud, il primo monarca saudita, fosse discendente da Mordechai bin Ibrahim bin Moishe, un mercante ebreo di Basra.

Secondo il suo libro, Moishe cambiò nome e sposò suo figlio ad una donna di una tribù saudita.

Il rapporto dell’intelligence irachena rivela che il ricercatore Mohammad Sakher fu soggetto di un contratto di omicidio saudita per la sua indagine delle radici ebraiche dei Saud.

Nel libro di Said Nasir, ‘La storia della Famiglia Saud’, viene mantenuto che nel 1943, l’ambasciatore saudita per l’Egitto, Abdullah bin Ibrahim al Muffadal, pagò Muhammad al Tamami per forgiare un albero genealogico dimostrante che i Saud e i Wahhab erano una famiglia che discendeva direttamente dal Profeta Maometto.

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/wp-content/uploads/Ottoman.jpg]
L’Impero Ottomano turco, che gradualmente diminuì come dimensioni.

Agli inizi della Prima Guerra Mondiale, un ufficiale ebreo inglese, David Shakespeare, incontrò Ibn Saud, che stava per diventare il primo monarca saudita.

Shakespeare successivamente guidò un esercito saudita che sconfisse una tribù che si opponeva a Ibn Saud.

Nel 1915, Ibn Saud si incontrò con un emissario inglese alla regione del Golfo, Bracey Cocas.

Cocas fece la seguente offerta a Ibn Saud: “Credo che questa sia una garanzia per la vostra resistenza poiché è nell’interesse dell’Inghilterra che gli ebrei abbiano una patria ed un’esistenza, e gli interessi dell’Inghilterra sono, in tutti i mezzi, nei vostri interessi.”

Ibn Saud replicò: “Certo, se il mio riconoscimento significa così tanto per te, Io riconosco mille volte il garantire una patria agli ebrei in Palestina o oltre che la Palestina.”

Due anni dopo, il Ministro degli esteri inglese Lord Balfour, in una lettera a Baron Walter Rothschild, leader dei sionisti inglese, affermò: “Il governo di sua maestà vede con favore lo stabilimento in Palestina di una patria nazionale per gli ebrei . . .”

L’affare per stabilire Israele aveva il supporto del leader turco Kemal Ataturk, che, secondo quanto riferito, era un cripto-ebreo.

Nel 1932, gli inglesi misero Ibn Saud al potere come Re dell’Arabia Saudita.

I Saud resero il wahhabismo la religione di stato dell’Arabia Saudita.

Turchia – parte dell’Ordine mondiale ebraico:

[Link immagine: https://whitedeathofislam.deathofcommunism.com/wp-content/uploads/tanks.jpg]
I carri armati dell’esercito turco sfilano di fronte ad un ritratto di Mustafa Kemal Ataturk, fondatore della Turchia moderna, durante una parata militare l’86° anniversario del Giorno della Vittoria ad Ankara, 30 Agosto 2008. Le tensioni tra il governo turco ed i suoi potenti generali continueranno ad offuscare il futuro del paese richiedente l’ingresso nell’Unione Europea, dopo che il nuovo comandante militare ha messo in guardia contro il profilo in crescita dell’islam.
REUTERS/Fatih Saribas (TURCHIA)

La Turchia ha il suo ‘deep state’, un governo occulto che ha portato avanti azioni di terrorismo false flag (Ergenekon).

Un ufficiale di alto rango di politica estera della Turchia ha detto che ci sono ‘deep state’ in Egitto, Arabia Saudita, Giordania, e Siria.

Questi ‘deep state’ sembrano coinvolgere cripto-ebrei.

Nel nuovo governo della Libia, i wahhabiti hanno molta influenza.

Proveniente da: Strategic Culture Foundation on-line journal.
_______________________________________________________________

Fonte: Aangirfan.blogpost.com Jewish Control of Saudi Arabia
[Link: https://web.archive.org/web/2012122...m/2011/11/jewish-control-of-saudi-arabia.html]
 

Al Jilwah: Chapter IV

"It is my desire that all my followers unite in a bond of unity, lest those who are without prevail against them." - Satan

Back
Top